La mia esperienza all’interno del programma EYE è terminata. Ho realizzato un periodo di 6 mesi in Grecia, presso l’azienda agro-alimentare “Fereikos”. Un’azienda innovativa dedicata all’allevamento delle lumache. Un progetto che piano piano (in greco “siga siga”, come inserito nel titolo) ho assaporato durante tutto il periodo della mia permanenza in Grecia.
Posso esprimere la mia completa soddisfazione per questa collaborazione con l’imprenditrice ospitante (HE), la compianta Maria Vlachou ed anche con sua sorella Penny. Mi ritengo fortunato per aver avuto la possiblità di conoscere queste due sorelle, premiate imprenditrici, che mi hanno insegnato molto e mi hanno fatto sperimentare nella loro azienda che un ambiente di lavoro può essere piacevole, collaborativo e privo di inutili malumori verso i colleghi.

I momenti difficili non sono mancati. Nel quinto mese di scambio è venuta a mancare la mia HE dopo una lunga malattia che improvvisamente ha preso il sopravvento. Una persona gentilissima e premurosa che già prima di iniziare mi ha fatto sentire a casa nel suo Paese, supportandomi e sempre disposta a darmi suggerimenti per la vita, anche fuori azienda. Malgrado questa situazione, ho avuto il grande sostegno e sono stato molto seguito anche da sua sorella Penny. Penny non mi ha fatto pesare la situazione, è stata molto forte e mi ha permesso di portare a termine il mio progetto EYE. La ringrazio molto per tutto ma proprio tutto!

Per quanto riguarda l’aspetto operativo del mio EYE, ho raggiunto l’obiettivo di acquisire conoscenze nel marketing dei prodotti, nell’import/export (pesto, escargots, cibi pronti) relativi al settore agroalimentare, tutti i processi organizzativi e le principali parti interessate, i processi di produzione e distribuzione dei prodotti di un’azienda agroalimentare. Un altro valore aggiunto è stata la partecipazione a eventi agroalimentari (come la FoodExpo ad Atene). Tutto ciò ha confermato le mie aspettative prima della partenza, grazie all’impatto che questa esperienza così preziosa e multiculturale mi ha dato, ho avuto la possibilità di apprendere e applicare le migliori pratiche dell’industria alimentare, le tecnologie di produzione più innovative e la sua sostenibilità. Infine, sono molto entusiasta per aver costruito una buona partnership con l’HE e gli altri dipendenti per potenziali collaborazioni future.

Credo di aver rappresentato una buona risorsa per l’azienda, di aver svolto bene le attività lavorando principalmente come International business developer ed agronomo. Ho cercato di dare il massimo in ogni circostanza, motivato e attento ai dettagli, in sintonia con tutto l’ambiente di lavoro. Sono contento di aver apportato nuove idee, ben accolte, e di aver realizzato tutte le attività previste, molto utili all’azienda.
Consiglio questo tipo di esperienza ad un giovane imprenditore che voglia esplorare nuovi approcci per il suo potenziale business, per realizzare un’esperienza all’estero e confrontarsi con il contesto internazionale.