Salut!

Mi chiamo Lourdes e mi interesso di Europrogettazione. Nonostante gli sbadigli dei miei amici quando ne parlo, a me entusiasma molto e vorrei aprire un piccolo studio in Italia al termine di quest’avventura . Essere partita in questo periodo critico la rende certamente un’esperienza un po’ fuori dall’ordinario, ma è stata proprio la l’inattività forzata durante la quarantena a spingermi a partire appena possibile. Sentivo la necessità di trasformare la crisi in opportunità.

Nel mondo dell’Europrogettazione, inventarsi e reinventarsi è all’ordine del giorno, ed è proprio questo che mi affascina. La continua scoperta di nuove opportunità e capire come cogliere.

E così eccomi qui, in Belgio.

Ho scelto Bruxelles perché è il cuore dell’Unione Europea, sede della Commissione Europea e di numerose altre istituzioni e brulicante di attività di cui mi piacerebbe essere parte.

E si è rivelata una scelta davvero felice. Lo staff di Moverim è una fucina di idee e creatività e la mia collaborazione con loro si sta rivelando fruttuosa e piacevole.

Nonostante il distanziamento sociale, per via del quale lavoriamo ancora parzialmente in smart working, sono sempre a disposizione per eventuali dubbi o chiarimenti e la partecipazione alle mansioni quotidiane dell’ufficio mi offre spunti che sicuramente mi torneranno utili in futuro. Fin dal primo momento mi sono sentita inclusa ben accolta, come se fossi un membro effettivo dello staff da lungo tempo.

Oltre alle mansioni ordinarie, attualmente sto collaborando a due progetti incentrati sulla digitalizzazione in ambito pedagogico e tecniche di comunicazione innovative e sto apprendendo molto riguardo i programmi relativi a ricerca e innovazione.

Inoltre sto iniziando ad imparare il francese, sono ancora ben lontana dal parlarlo fluentemente, ma faccio progressi.

Insomma, il bilancio di questi primi giorni è nettamente positivo.