Sono Giuseppe Schillaci, ho 29 anni e vengo da Capaccio una piccola cittadina nel sud della Campania. I miei studi possono essere sintetizzati in tre grandi periodi il primo a Milano dove mi sono laureato in Finanza alla triennale, il secondo a Pisa dove ho frequentato la Magistrale in Data Science e un terzo periodo durante la magistrale di un Erasmus di un anno al Politecnico di Wroclaw in Polonia. Ho da sempre avuto come più grande passione l’imprenditoria e il creare un piccolo progetto mio che potesse dare lavoro non solo a me ma anche ad altre persone e portare ricchezza alla zona da cui provengo appunto il Sud Italia.

Durante gli studi ho quasi sempre lavorato o in azienda o in piccola realtà o come freelance. Ho sempre avuto un approccio attivo al mondo del lavoro, interessandomi da subito a quello che volessi fare nel futuro cominciando a fare le mie piccole esperienze.

Perché ho deciso di partecipare a EYE

L’occasione di sviluppare un progetto proprio è nata dall’esperienza di studio all’estero in Polonia. Il vivere con persone nuove con nuove vedute mi ha permesso di poter condividere le mie idee senza timore alcuno. Parlandone con amici e colleghi ho provato da solo a sviluppare e far crescere un piccolo progetto fino a presentarmi durante gli studi a incubatori italiani. Alla fine di questa breve esperienza però, sentivo che mi mancasse qualcosa a me stesso per essere davvero maturo e pronto per il mondo delle startup. Essendo un mondo nuovo e in continua evoluzione è molto semplice avere successo ma anche fallire velocemente. Ho capito che sarebbe servita un’esperienza all’estero ma lavorativa. Così dalla ricerca ho trovato questo programma ed è stata una delle migliori scelte della mia vita.

Dopo l’iscrizione sulla piattaforma ho trovato l’imprenditore con il quale svolgere questa esperienza insieme, la cosa che di più mi ha convinto è stata l’esperienza pregressa e la visione che avesse l’imprenditore ospitante.

Sono arrivato a Valencia, città ospitante del progetto, città bellissima sul mare, ambiente super stimolante e giovanile. L’azienda lavora nel settore dello sport e dell’Hi-Tech, credo che questa città sia perfetta per sviluppare un progetto legato allo sport e al benessere fisico.

Da subito ho familiarizzato con nuovi amici e i colleghi del gruppo. La similitudine della cultura italiana e spagnola hanno favorito la mia integrazione. Sono arrivato senza conoscenza della lingua spagnola, grazie alla conoscenza dell’inglese il lavoro è cominciato subito alla grande. Durante il primo mese sono riuscito a migliorare molto la lingua spagnola e così facendo già dopo il primo mese ho cominciato a sostituire l’inglese con lo spagnolo nelle attività giornaliere e nella vita.

Opinioni personali

Sono sicuro che questa esperienza mi aiuti a maturare come lavoratore prima di tutto, consentendomi di migliorare quelle che sono le mie qualità attuali e quelle che scoprirò di avere durante l’esperienza. È da sempre per me fondamentale sviluppare competenza di lavoro di gruppo e adattabilità. La voglia di uscire dalla zona di confort e il desiderio di seguire i miei sogni imprenditoriali mi motivano a svolgere al massimo questa nuova avventura.

Arrivo in azienda

Il mio arrivo in azienda è stato contornato dal fantastico evento delle “fallas” di Valencia, innumerevoli eventi di fuochi pirotecnici che mi hanno fatto innamorare dal primo momento. L’azienda è vicino al porto della città, l’idea di vivere e lavorare vicino al mare e poter andare a passeggiare subito dopo il lavoro mi piace moltissimo. L’imprenditore che mi ha ospita è stato da subito gentile con me facendomi sentire da subito a casa e membro del gruppo.