Mi chiamo Gioele Basconi, sono nato a Recanati 25 anni fa e mi sono laureato in Filosofia presso l’Università di Macerata. Ho sempre amato viaggiare ed entrare in contatto con culture diverse. Durante gli anni dell’università, infatti, ho sempre cercato di cogliere le opportunità che si presentavano, da progetti come Erasmus + Studio, che mi ha permesso di vivere in Portogallo per 10 mesi, a una esperienza di tirocinio, in Germania – oltre a varie esperienze lavorative in ambiti eterogenei, attraverso diversi programmi esterni al mondo accademico.

Sono venuto a conoscenza delle opportunità offerte dal progetto Erasmus for Young Entrepreneurs da amici che avevano già partecipato e mi è sembrata un’interessantissima occasione per svolgere un’esperienza con un taglio che potrà essermi utile allo sviluppo di idee di progetti futuri, ovvero la collaborazione con un imprenditore che già da anni ha il suo business avviato in ambito giornalistico.

Sono quindi partito per Berlino i primi di gennaio, iniziando a collaborare con Berlino Magazine – con il quale coopererò per i prossimi tre mesi -, un giornale on-line che si occupa di informazione per italiani residenti all’estero.

Al mio arrivo in redazione ho trovato fin da subito un’ottima accoglienza. Abbiamo trascorso le prime ore discutendo della realtà in cui mi stavo inserendo: com’è nato il progetto, gli ambiti di cui si occupa, l’organizzazione interna e i loro obiettivi futuri. Inoltre ho conosciuto il team con cui avrei lavorato, che mi ha fin da subito accolto e fatto sentire parte integrante del gruppo.

L’approccio adottato in questa collaborazione è caratterizzato da un dialogo dinamico con il mio HE e direttore del Magazine, Andrea, e il vicedirettore, Marco, con i quali c’è un confronto costante. Abbiamo discusso sul contesto in cui il Magazine è inserito e il bacino d’utenza cui esso si rivolge, cercando di allineare gli obiettivi già perseguiti ai miei interessi e ambiti di competenza, come quello filosofico, dando la possibilità, appunto, di instaurare una collaborazione aperta a dare spazio a passioni e settori nella mia sfera di interesse.

Le prime sensazioni sono quelle di un luogo ricco di stimoli, che mi permetterà di crescere in modo sensibile in quest’ambito professionale, in un ambiente positivo e aperto a una collaborazione e una vera comprensione delle dinamiche strutturale e organizzative che riguardano questo settore.

Tale comprensione è per me fondamentale, in quanto strumento per potere operare in maniera sempre più autonoma in futuro.

Oltre a ciò, spostando il focus dal contesto lavorativo a quello “geografico” non cambia la fertilità di stimoli e impulsi: Berlino è, infatti, una realtà ricchissima sotto molti punti di vista.