È già passato un mese e mezzo da quando sono a Madrid, novanta giorni trascorsi come un soffio tra le frenetiche giornate di organizzazione, qualche set, molta post-produzione e una serie di lavori in programma per cui è necessaria una pre-produzione attenta e dettagliata. Piccola postilla per chi non conosce il settore: la produzione audiovisiva è un percorso articolato. Dall’idea si passa all’organizzazione concreta del lavoro (la cosiddetta pre-produzione, che può durare anche mesi o anni, in casi di grandi opere), la lavorazione e il set sono la parte centrale e fondamentale del percorso, ma non bisogna sottovalutare la post, dove spesso si fanno i miracoli tra correzioni audio e colore, montaggio e realizzazione. L’export definitivo è il risultato che spesso ha un valore inestimabile perché frutto di una collaborazione tra tanti settori e professionisti che hanno messo un tassello, piccolo o grande che sia, che ha consentito all’idea di realizzarsi. Dopodiché c’è tutto il lavoro di lancio e promozione, ma questa è un’altra storia.

nicola-bisceglia-primi-90-gg-eye-madrid

Aldilà di tutto ciò, la collaborazione con Antonello Novellino, il producer che mi sta ospitando nel mio erasmus per giovani imprenditori, sta andando a gonfie vele: oltre ad alcuni lavori che stiamo realizzando qui (domani andiamo a fare le riprese ad un concerto, nella prossima settimana abbiamo in programma un videoclip) stiamo lavorando in prospettiva e raccogliendo i frutti di quanto seminato in precedenza. Qualche esempio dei lavori a cui ho dato un piccolo contributo: “Buffalo rompiendo el silencio”, è finalista al notodo film fest, mentre Hasta Luego Carino, per il quale ho partecipato alla post-produzione, è stato presentato nella settimana del cortometraggio della comunidad de Madrid ed ha vinto la miglior sceneggiatura. Inoltre, due corti per i quali sto collaborando alla promozione, Teatro e Para Sonia, sono finalisti al FIBAC (festival iberoamericano de cortometrajes).

nicola-bisceglia-primi-90-gg-eye-madrid-1

Insomma, il lavoro è molto appassionante e mi consente di crescere professionalmente giorno dopo giorno, una gran bella esperienza. La cosa cui tengo di più, però, è un progetto di cui stiamo costruendo le fondamenta, ma che è molto ambizioso e motivante: in collaborazione con il Lucania Film Festival e la Matera-Lucania Film School, proviamo a costruire una sorta di ponte tra l’Italia e la Spagna per quanto riguarda la formazione delle competenze, con focus sulle co-produzioni internazionali, che possono essere un ottimo volano per portare le produzioni audiovisive in giro per l’Europa e per il mondo. Abbiamo il dovere di essere visionari e lavorare in prospettiva, nel prossimo post spiegherò meglio i dettagli dell’idea e le sue evoluzioni: spero davvero che questa mia esperienza possa portare un valore aggiunto tanto alla mia terra quanto a questa meravigliosa penisola che mi ha accolto a braccia aperte.