Mancano ormai pochi giorni alla fine del progetto EYE qui in Madrid.

L’esperienza fatta presso lo studio di Architettura “JMSG” è stata tra le più stimolanti fatte nella mia vita e ben oltre le mie aspettative. In questi sei mesi ho potuto lavorare a progetti e concorsi di altissimo livello, che difficilmente possono essere seguiti in tanti altri studi.

Il team di lavoro mi ha accolto a braccia aperte e nonostante le iniziali difficoltà linguistiche, mi ha permesso di crescere molto a livello lavorativo e umano sin dai primi giorni.

I legami prima lavorativi sono diventati amicizie che sono sicuro dureranno nel tempo. Ho conosciuto ragazzi di tante nazionalità ma tutti con la stessa forte passione per l’Architettura.

Ho imparato tantissimo da questa esperienza e lascerò lo studio molto più preparato di prima. Credo comunque di aver apportato anche io un contributo significativo ai meccanismi dello studio e ciò me lo conferma la stima crescente nei miei confronti da parte dei colleghi e di José, il mio “HE”.

L’aspetto più interessante del lavorare in un team multiculturale come quello che ho trovato qui, è il confronto tra menti tanto differenti, questo porta ad analizzare il problema da diversi punti di vista ottenendo una visione di insieme che altrimenti non è facile raggiungere.

Consiglierei a chiunque di fare un esperienza all’estero con il programma EYE, seguito da persone capaci e attente come i ragazzi di MateraHub. Credo sia un opportunità fantastica soprattutto per chi ha terminato da poco gli studi, per conoscere nuove persone, per esplorare nuove città e lavorare in ambienti stimolanti e di alto profilo.

Una delle parti più interessanti credo sia il confronto finale tra il business plan redatto all’inizio della mia esperienza con EYE e quello che a breve redarrò dopo questi sei mesi. Lavorare in una realtà di tipo internazionale mi ha permesso di avere una visione della professione di sicuro più chiara e realistica.

Allo stesso modo anche la mia figura professionale ne uscirà concretamente arricchita e competitiva.

Viviamo certemente in tempi difficili per la mia professione, ma pieni di opportunità da cogliere al volo, senza pensarci troppo, perchè il futuro non è scritto!