Verso una nuova avventura in Francia: il mio arrivo a Parigi e i primi contatti con l’agence

Sono Manuela Serreli, una giovane architetta nata e cresciuta in Sardegna.
Ho studiato Architettura all’Università di Cagliari, sia la triennale che la magistrale. Durante i miei anni accademici ho avuto modo di fare qualche breve esperienza di tirocinio all’estero: Erasmus Traineeship in Estonia, a Tallinn, e Globus Placement in Perù, a Lima. Penso che queste esperienze abbiano influito profondamente sulla mia personalità e sul mio modo di vedere le cose.

Da tempo mi appassiono di tematiche di rigenerazione urbana, in particolare legate
al processo di riattivazione di spazi inutilizzati tramite pratiche di riuso temporaneo e coinvolgimento della popolazione. Qualche anno fa con un gruppo di amici e colleghi architetti abbiamo dato vita a un progetto pilota nel mio paese. Mi piacerebbe portare avanti questo progetto, cercando di acquisire delle conoscenze ulteriori a livello teorico ma anche a un livello più pratico e gestionale.

Conoscevo già il programma Erasmus per giovani imprenditori, grazie a un’amica che l’ha fatto e ha avuto un’esperienza positiva, e ho deciso di provarci anche io. Mi è sembrata l’occasione perfetta in questo momento della mia vita.

Per questo motivo ora mi trovo a Parigi, dove a partire dal 7 marzo 2022 ho iniziato l’esperienza di scambio all’interno dello studio di architettura Graal, e ci resterò per tre mesi, ovvero fino a giugno 2022. Graal è uno studio che affronta tematiche legate sia all’architettura che alla pianificazione urbanistica, per questo ho pensato che fosse l’ideale per poter approfondire certi aspetti utili per il mio progetto di impresa.

Sono convinta che quest’esperienza sarà utilissima ai fini della mia formazione: oltre che un’occasione per mettermi alla prova in un contesto nuovo, sarà molto interessante imparare a vedere come vengono affrontate determinate tematiche in Francia, come vengono gestiti il lavoro e la realtà imprenditoriale, quali sono le differenze con l’approccio italiano.

Le prime impressioni sono decisamente positive: Parigi è una città stupenda, con una bellissima atmosfera, in cui si respira un clima vivo e coinvolgente.
Fin da subito mi sono immersa nella realtà dello studio, e anche se ho qualche difficoltà con la lingua (si parla prevalentemente il francese), mi accorgo che ci sono già dei miglioramenti. Il team è molto disponibile e ben organizzato, e mi sento già responsabilizzata nella gestione dei progetti. Lavorare all’interno di questo gruppo di lavoro è molto stimolante. Sono sicura che sarà un’ottima occasione per scambiarci le nostre conoscenze e crescere professionalmente.