Se Parigi avesse il mare

Sono seduta all’interno di un ufficio popolato da ragazzi giovani di nazionalità diverse (Francia, Argentina, Spagna, Germania, Brasile, Italia, Egitto, Korea), maschere di alieni e post-it che citano parole come inter – cultura, arte e integrazione, quadri fatti di collage appesi alle pareti verdi. L’ufficio si trova in un palazzo enorme che offre una casa ai rifigurati oltre che uffici ad associazioni come questa.

Tutto questo a Parigi, una città che non ero mai stata, onestamente, curiosa di conoscere ma che mi regala già emozioni indimenticabili, facendosi camminare su e giù per quartieri popolati di persone con le più disparate facce, colori, capelli e forme che abbia mai visto.

Sono venuta a conoscenza del programma EYE quasi per caso, esattamente nel momento in cui avevo deciso di fondare, con altre due colleghe, un’associazione socio – culturale a Bari, in Puglia.

La mia decisione è la naturale continuazione di tutti i passi che ho percorso una volta finito il liceo: la laurea in arti visive, la partecipazione al Servizio di Volontariato Europeo in Romania e al Servizio Civile in Spagna. Ho capito fin da subito che avrei voluto offrire le stesse opportunità che qualcuno aveva creato per me, senza abbandonare la mia passione per l’arte.

Dopo essere inciampata nel programma Erasmus per Giovani imprenditori ho capito che sarei dovuta partire senza esitazioni, perché in questo modo avrei potuto essere seguita e aiutata nel costruire il sogno per il quale ci stiamo impegnando molto.

La parte pre – partenza più interessante è stata confrontarmi e scegliere l’associazione all’interno della quale avrei portato a termine il mio periodo di scambio. Ho scelto un’associazione che avesse esperienza in dove vorrei essere io tra dieci anni e a 15 giorni dal mi arrivo, ho la sensazione che non avrei potuto scegliere un posto migliore di questo. Elan Interculturel è un ambiente multi culturale, aperto, lavora con la mediazione artistica e l’integrazione, la project manager che mi segue mi fornisce inconsapevolmente una costane ispirazione non solo in quello che vorrei fare ma anche in come vorrei essere.

Ancora presto per tirare le somme, ma ad oggi mi sento davvero sulla giusta strada.