Sono partita da due settimane al seguito di molte paure e titubanze che hanno quasi avuto la meglio sulla mia esperienza.

Il mio nome è Federica, ho 25 anni e sono nata a Catania. Mi ritengo una persona piena di ambizioni e forse proprio per questo non ho mai scelto la strada più semplice. Ho studiato beni culturali presso l’università di Catania e ho in seguito conseguito la laurea magistrale in Economia e Gestione delle arti e delle attività culturali presso l’università Ca’ Foscari di Venezia. Sicuramente ho deciso di seguire le mie passioni, ovvero arte e cultura, piuttosto che un percorso di studi semplice e lineare. Al termine della mia esperienza
universitaria ho svolto un tirocinio in Spagna, dove ho deciso di tornare grazie a questa splendida opportunità offertami dall’ Erasmus per giovani imprenditori.

Il mio sogno nel cassetto è quello di aprire un giorno la mia fiera di arte contemporanea, ed è per questo che adesso, nonostante tutte le avversità dovute dal COVID-19, ho deciso di recarmi a Madrid per 4 mesi dal 21 settembre 2020 al 21 gennaio 2021, per affiancare un’imprenditrice molto giovane e molto in gamba. Insieme stiamo organizzando fiere ed eventi d’arte contemporanea, ed insieme stiamo
combattendo per portare avanti la teoria del #cultureneverstops.

Sin da quando ero piccola studiare mi è sempre piaciuto. Ho sempre affrontato gli anni di scuola e poi quelli di università con grande dedizione e interesse. Tuttavia, ho scoperto molto presto che il modo migliore per sviluppare concretamente un’idea è lavorare sul campo. Nel giro di un paio di settimane ho infatti già imparato moltissime cose dal mio host, come la creazione di un sito web, la gestione di un bando, la relativa selezione e le attività puramente organizzative, ed in più ho sicuramente già migliorato notevolmente il mio livello di lingua spagnola. Inoltre, abbiamo già avuto modo di condividere e allargare la nostra rete di contatti, organizzeremo infatti una fiera del libro d’artista a Burgos cui prenderanno parte anche degli ospiti italiani.

Essere Siciliana per me è stato in certi sensi un grande limite, che mi ha portata a viaggiare molto ed effettuare esperienze lavorative all’estero, ma proprio questo ha permesso di aprire le mie vedute, di conoscere tanta gente meravigliosa e di sviluppare la consapevolezza che le persone più intraprendenti non si fermano di fronte alle difficoltà.

Elvira, il mio host, mi sta estremamente aiutando in questo; chiaramente la situazione in Spagna è dura ma ciò non ha bloccato i nostri incontri lavorativi, che si concludono spesso con un boccale di cerveza e tante chiacchiere. Ci stiamo infatti conoscendo meglio e ciò mi permette di non sentirmi mai sola, inoltre sono sicura che questo rapporto collaborativo si trasformerà anche in una splendida amicizia.

Consiglio vivamente a tutti un’esperienza di studio/lavoro all’estero, anche se all’inizio può sembrare difficile è un ottimo modo per mettersi alla prova. Diventa una sfida con se stessi ma al termine del viaggio capisci che quel luogo, inizialmente del tutto sconosciuto, ti appartiene, e difficilmente potrai dimenticare un’esperienza così intensa.